SHIATSU E SPORT ( Lo shiatsu applicato allo sport)

emilio formsto tesserashiatsuChart estomago BK06d

 

Ricerca a cura del prof. Emilio Esposito

Quando un atleta affronta una gara, non soltanto gareggia con tutto il suo corpo, ma partecipa anche con il suo spirito, con le sue motivazioni, con la sua voglia di divertirsi e di vincere. Nello sport il “Ben-Essere”, ossia lo stare bene con se stessi, si raggiunge quando la partecipazione a un’attività agonistica, o semplicemente sportiva, è globale e coinvolge armoniosamente sia il fisico sia lo spirito.

Tutti gli allenatori sanno che il livello di prestazione si migliora non solo ponendo attenzione a tecnica, tattica, preparazione fisica e alimentazione, ma anche ai periodi di alternanza sonno — veglia, alla qualità di utilizzo del tempo libero, all’attività sessuale, alle amicizie e anche a ciò che si pensa e a come lo si pensa.

Un allenatore, perciò, nel programmare gli allenamenti, deve tenere presente tutti i componenti della qualità della vita, perché tutte entrano in gioco e contribuiscono a modellare il comportamento finale che un atleta esprime nella prestazione agonistica.

Tuttavia, risulta difficile prendere in considerazione tutte queste variabili (soprattutto quelle emotive e psicologiche) in quanto, in alcuni casi, è l’atleta stesso a non essere cosciente che “emozioni bloccate o problemi della giornata” possano influire sul proprio fisico e di conseguenza sulla sua prestazione, sia in allenamento che in gara.Un’arte come lo Shiatsu che ha come scopo principale l’armonizzazione di “corpo – mente — spirito” di una persona, può rappresentare un valido supporto psico – fisico per gli sportivi. Riequilibrando l’energia corporea dei singoli atleti, i trattamenti Shiatsu permettono di agire positivamente su “fattori chiave” influenzanti la prestazione sportiva come lo stato di salute, i valori fisici e psichici e l’efficienza tecnico tattica dell’organismo.

1.1 LO STATO DI SALUTE

Per uno sportivo, soprattutto a livello agonistico, è necessario mantenere e preservare uno stato di salute tale da non compromettere il lavoro svolto durante la fase di preparazione alla gara. Da un lato una buona condizione fisica generale consente all’atleta di aumentare il suo rendimento sia in allenamento che in competizione; dall’altro, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati e programmati, è inevitabile che ogni sportivo presenti un buon stato di salute di base.Attraverso la stimolazione dei processi di autoguarigione dell’individuo, lo Shiatsu rappresenta un ottimo sostegno nella prevenzione e nella cura di malattie e infortuni nei quali può incorrere un atleta.

I trattamenti Shiatsu, praticati effettuando pressioni su punti o zone della cute ritenuti in carenza o in eccesso di energia da parte dell’operatore, permettono il raggiungimento di un equilibrio psicofisico necessario al mantenimento di uno stato di salute adeguato alle differenti attività sportive.

1.2 VALORI FISICI

1.2.1 La Scioltezza articolare Molteplici sono gli effetti che i trattamenti Shiatsu hanno sul corpo, muscolarmente potente, di atleti di alto livello: maggior scioltezza articolare, più forza elastica e di conseguenza un aumento della potenza nei colpi. Le pressioni lunghe e prolungate tipiche dello Shiatsu vanno a lavorare in profondità sul tessuto ed incidono sugli strati più profondi del sistema muscolare.

Tali pressioni liberano le tensioni e permettono, con un lavoro mirato di stretching, di ottenere un sistema muscolare più elastico e resistente allo stress agonistico. Ne risulta quindi che gli atleti che praticano sport come la pallavolo, il tennis, la pallanuoto, ecc… in cui l’ampiezza articolare dipende strettamente dal grado di scioltezza articolare, ottengono un aumento nella potenza impressa ai colpi.

Inoltre, attraverso il rilassamento di muscoli ipertonici (in conseguenza a traumi fisici o emotivi), le applicazioni Shiatsu pervengono ad un aumento della mobilità e dell’elasticità muscolare dell’atleta che incidono significativamente sulla diminuzione degli infortuni.

Differenti, invece, sono gli effetti dello Shiatsu sulla forza esplosiva la quale è più legata alle caratteristiche fisiche muscolari dell’atleta e al tipo di allenamento sul potenziamento della fascia muscolare proposto dall’allenatore. In questo caso, lo Shiatsu risulta avere un’influenza minore in quanto esso lavora più sul rilassamento muscolare che sul potenziamento.

1.2.2 La Postura

Per postura s’intende posizione reciproca delle varie parti del corpo in stazione eretta, facendo implicitamente riferimento all’attività muscolare necessaria per mantenere tale stato. In un normale stato di postura l’attività muscolare è ridotta al minimo e non interferisce negativamente con le normali funzioni degli altri apparati e sistemi, anzi vi contribuisce.

Nel mantenere la postura i muscoli delle diverse regioni corporee lavorano coordinatamente opponendosi alla forza di gravità (ecco perché non si può dormire in piedi) e bilanciandosi a vicenda. Quando la posizione assunta dal corpo, in piedi o seduti, non è corretta, i muscoli sono costretti ad uno sforzo maggiore e causano affaticamento. In effetti, essendo numerose le parti del corpo che si devono riequilibrare tra di loro, basta che una di esse sia in tensione per provocare uno sbilanciamento del baricentro del corpo.

Per evitare la caduta, i muscoli dovranno supplire a questa tensione con altre contrazioni che la contrastino. E’ sufficiente che la testa sia spostata di qualche millimetro che, per reazione, entrano in gioco una serie di contrazioni muscolari (dal capo fino ai piedi) per compensare questo squilibrio.

Il problema è che la maggior parte degli atleti è incapace di dire se tiene una spalla più alta dell’altra, quale è l’espressione del proprio viso o se la tensione dei muscoli lunghi del dorso è simmetrica sui due lai della colonna, di conseguenza se assume posture errate non si rende conto di quanta energia sprechi nel corso della giornata. Inoltre le posture suddette, a lungo andare, potrebbero peggiorare i difetti della statica, condizionando lo scheletro fino a modificarne la struttura.

Per ritrovare naturalmente una posizione corretta, occorre prendere coscienza di tutte le contrazioni eccessive che irrigidiscono i muscoli inutilmente e, man mano che riusciamo ad eliminarle, ritroveremo nei nostri movimenti la grazia e l’instancabilità tipica dell’età infantile. In questo contesto, lo Shiatsu opera su due livelli fondamentali:- i trattamenti inducono nel corpo del ricevente un profondo stato di rilassamento che agevola la consapevolezza delle contrazioni da parte dell’individuo;- l’operatore, attraverso la tecnica delle due mani separate, agisce sui punti del corpo che presentano un eccesso d’energia al fine di distribuirla equamente alle altre parti che ne sono carenti.

L’attenzione della persona sarà rivolta alla percezione delle proprie contrazioni. Rendendo consapevole il processo di rilascio delle tensioni, viene data la possibilità al corpo di correggere il suo squilibrio e di aggiustarsi naturalmente. Man mano che si sviluppa la coscienza della postura, si può operare per riportare il corpo in un rapporto armonioso con se stesso e con la gravità.

1.2.3. La Fascia

Il 60% della massa corporea è costituito dal sistema muscolo — scheletrico. C’è una continuità strutturale e funzionale fra i tessuti, duri e molli, che costituiscono la componente meccanica della macchina umana. Bisogna scoraggiare la tendenza a considerare una lesione locale isolata dal resto e accrescere la consapevolezza sulla natura interdipendente di questo raggruppamento di tessuti.

Il sistema muscolo — scheletrico è composto di muscoli, legamenti, tendini, ossa e fascia (tessuto connettivo) ed è il principale consumatore dell’energia corporea.

Tessuto connettivo formato da una sostanza “granulosa” simile a gel con una base fibrosa, la fascia possiede flessibilità e allo stesso tempo grande forza. Essa si trova fra ogni strato della muscolatura, attorno ad ogni organo e in ogni cavità corporea. Avvolge il midollo, il cervello ed ogni osso e si trova persino negli spazi intercellulari. La fascia esiste sotto forma di tessuto continuo in tutti gli strati del corpo.

Questo significa che un’anomalia della fascia in un punto del corpo può avere un effetto negativo su qualsiasi altra area.La fascia, quindi, influenza in modo importante la postura e la funzione di ogni organo ed ogni sistema del corpo. Nello Shiatsu la ripetizione ritmica di compressioni profonde dei tessuti produce un effetto di stiramento — rilasciamento dei tessuti connettivi e delle fasce: questo permette di regolarizzare le tensioni meccaniche, alle quali la struttura altamente specializzata dell’atleta è sottoposta.

Ricerche effettuate in Cina hanno indicato che il flusso dell’energia attraverso il meridiano viene condotto nel corpo tramite la fascia, inoltre, studi scientifici sulle basi neurofisiologiche dell’agopuntura dimostrano come la stimolazione meccanica dei punti di agopuntura produca, anche attraverso la sola pressione, importanti stimolazioni dei centri nervosi superiori, a livello della sostanza reticolare, del talamo, dell’ipotalamo e addirittura di molti nuclei sottocorticali.

A questo meccanismo vanno probabilmente attribuiti i numerosi e talvolta vistosi effetti di regolazione neurovegetativa che si ottengono con la Shiatsuterapia.Ogni volta che si applica una pressione su di un punto dell’agopuntura (tsubo) o allunghiamo un braccio o una gamba, influenziamo direttamente la fascia.

1.3 VALORI PSICHICI

Corpo e mente non sono due mondi separati, ma sono due parti, in continua influenza reciproca, di un tutt’uno: l’uomo, nella sua unità somato — psichica. In ambito medico è ormai largamente condivisa l’idea che il benessere fisico abbia una sua influenza su sentimenti ed emozioni e che a loro volta questi ultimi abbiano una certa ripercussione sul corpo (PNEI).Le emozioni e gli stati psichici , pur non organizzandosi in vere e proprie malattie, si esprimono attraverso il corpo, coinvolgono il sistema nervoso autonomo e forniscono una risposta vegetativa a situazioni di disagio psichico o di stress.

Quando un individuo sente di essere in pericolo, vero o immaginario, tutto l’organismo ne è coinvolto e per proteggersi dal pericolo attiva il meccanismo omeostatico. Un quadro di stress cronico in tutto l’organismo produrrà a lungo andare contrazioni muscolari che a loro volta, se prolungate, avranno serie conseguenze, ad esempio sul sistema cardiovascolare. Persino una semplice contrazione muscolare del braccio, se prolungata, farà alzare la pressione del sangue da 10 mm. a 20 mm Hg. Tutte le alterazioni emozionali si rispecchiano in altrettante alterazioni muscolari. Atteggiamenti emozionali, come la rabbia o la paura, e stati d’animo, come l’eccitamento o la depressione, producono atteggiamenti muscolari caratteristici.

La somatizzazione di un’emozione o di uno stato psicologico generalmente ha una durata di tempo limitata, cessa con il cessare dell’elemento scatenante e non presuppone una lesione d’organo. Se tale somatizzazione permane al cessare dell’elemento scatenante determina un uso costante e non necessario di energia che con il tempo viene sottratta alle funzioni vitali del corpo.

Per avere una buona performance sportiva è fondamentale che l’apparato muscolo — scheletrico — psichico dell’atleta siano in equilibrio e al massimo dell’efficienza, al fine di poter attingere (soprattutto al momento della gara) a tutte le risorse energetiche a disposizione.

Un operatore Shiatsu, soprattutto attraverso il metodo di Masunaga (meridiani come funzioni vitali a cui associare differenti stati psichici), sa benissimo che, nel momento in cui porta la pressione in una determinato zona corporea, il punto energetico non è solo legato ai muscoli sottostanti ma fa riferimento ad una condizione psicologica particolare e di conseguenza ad un’emozione ben precisa: il riequilibrio avviene sia a livello fisico che psichico.

I trattamenti Shiatsu permettono di ridurre il livello d’ansia e le paure pre – gara dell’atleta consentendogli un maggiore controllo psicofisico dei suoi mezzi durante competizione. Si potranno così evitare livelli di elevata tensione, principali cause di dispendi irregolari di energie (tali da causare stati depressivi) e di diminuzione del grado di concentrazione dello sportivo.

Inoltre, lo Shiatsu, consentendo un più veloce recupero psicofisico in fase post – gara, permette di controllare e quindi diminuire i momenti depressivi conseguenti ad un insuccesso e quelli di sproporzionata euforia in caso di vittoria, stati psichici che, se protratti possono nuocere progressivamente al rendimento individuale dell’atleta (soprattutto per atleti che sono sottoposti ad impegni ravvicinati). 1.3.1.

La Concentrazione Stato mentale in cui la mente usa la maggior parte delle sue abilita’ nell’assolvere un compito determinato, il livello di concentrazione è un fattore determinante in uno sportivo in quanto permette di effettuare rapidamente scelte tattiche appropriate.

Quando la mente è concentrata su qualcosa, gli altri stimoli vengono ignorati in proporzione all’intensità della concentrazione stessa tanto che emozioni troppo intense e dolori muscolari possono distogliere o monopolizzare l’attenzione dell’atleta sottraendola alla concentrazione necessaria per lo svolgimento della gara e alle capacita’ tattiche.L’obiettivo complessivo dell’atleta, soprattutto in campo agonistico, è di realizzare la prestazione in modo ottimale (nel breve, medio e lungo periodo), attraverso un’organizzazione di un piano di impiego delle sue risorse, tecniche ed energetiche, in funzione dell’ambiente e dell’avversario.

Sia in discipline sportive individuali che di squadra, la scelta tattica può risultare fluttuante e complessa: numerose decisioni devono essere prese in lassi di tempo ridotti ed é quindi necessario che il livello di concentrazione dell’atleta rimanga elevato.

Dopo un trattamento Shiatsu l’atleta, anche a distanza di ore, si sente più leggero, maggiormente equilibrato e prova un piacevole senso di calma, condizione che gli permette di essere più lucido mentalmente e di concentrare tutta l’attenzione allo svolgimento della gara. Questo, inoltre, permette all’atleta di evitare tutti quegli infortuni o incidenti dovuti a disattenzione.

2 ELEMENTI DELLA RICERCA

2.1 OBIETTIVI E METODO DELLA RICERCA

Lavorando in campo sportivo con atleti di medio/alto livello, ho avuto l’opportunità di studiare e mettere in pratica le tecniche Shiatsu sia nella fase di preparazione pre — agonistica che in quella successiva alla competizione e di supporto al recupero di traumi e disfunzioni conseguenti a una pratica sportiva d’alto livello. La valutazione dell’utilità e dell’efficacia dello Shiatsu in campo sportivo è stata effettuata attraverso uno studio analitico su di un campione di trenta atleti, della popolazione di Torino e provincia, in un arco di tempo che va dai sei mesi ai tre anni.

Su tale gruppo, eterogeneo per età (tra: i diciannove e i quaranta anni), sesso (quattordici donne e sedici uomini) e disciplina sportiva praticata (tennis, calcio, pallavolo,…), è stato effettuato un numero di trattamenti variabile da persona a persona, della durata di circa quaranta minuti ciascuno.

La metodica con cui sono stati svolti i trattamenti si può riassumere attraverso i seguenti punti: – Per prima cosa, ho ricercato la “comunicazione profonda”. Per fare ciò, ho dovuto inizialmente capire quali fossero i tratti costitutivi e la condizione dell’atleta attraverso le tre diagnosi dell’osservazione, dell’ascolto e dell’interrogazione (vedi pag. 90).-

Dopo aver preso atto della condizione dello sportivo, ho cercato di individuarne il problema principale tra quelli da lui presentati. ed ho messo in pratica il trattamento Shiatsu, optando per le tecniche da me ritenute più opportune.

– A tutti gli atleti ho chiesto di compilare un questionario relativo ai propri dati personali e alle loro opinioni e sensazioni circa il lavoro svolto fino a quel momento.I dati sono stati in seguito confrontati con le loro schede personali, da me redatte in occasione di ogni appuntamento, e in alcuni casi anche con i test svolti in palestra dalla società sportiva di appartenenza, in sede di preparazione atletica.

2.2 CRITERI DI FORMULAZIONE DELLA SCHEDA D’INTERVISTA

Un questionario è un metodo fondamentale per ottenere informazioni specifiche riguardo a un determinato problema, in modo che le risposte fornite, una volta analizzate e interpretate, ne consentano una migliore comprensione.

Il questionario a cui gli atleti hanno risposto, si presenta sotto forma di una scheda composta da una serie di domande formalizzate e proposte nel medesimo modo a tutti gli intervistati, con lo scopo di ottenere risposte a una gamma limitata di alternative (domande chiuse).Le domande chiuse, alle quali l’intervistato deve adattare le proprie indicazioni contrassegnando la risposta che maggiormente corrisponde alla propria posizione, possono creare problemi a qualche intervistato quando le risposte standard non prevedano esattamente il suo pensiero.

Forzando la risposta ad adattarsi ad una delle alternative previste, si può travisare il vero significato. Per evitare questo effetto distorsivo in sede di preparazione del questionario, ho cercato di trasformare le domande aperte in domande chiuse ad alternativa semplice (si, no) ed a scelta multipla cercando di prevedere tutte le possibili risposte. Per essere sicura che le alternative offerte dalle domande a scelta multipla consentano all’intervistato di esprimere correttamente il proprio pensiero ho compiuto un attento lavoro di impostazione: innanzi tutto le alternative si escludono mutualmente, in modo che chi deve rispondere sia in grado di distinguerle senza difficoltà.

Ad alcune domande è stato aggiunto un codice per risposte insolite (altro). Ho utilizzato tale modalità per tentare di individuare eventuali categorie inizialmente non previste. Considerando la peculiarità della ricerca, la scelta delle domande chiuse, inoltre, è stata preferita per i seguenti motivi:1 la possibilità di effettuare interviste autogestite dall’intervistato il quale potrebbe essere messo in difficoltà da risposte aperte e dai tempi di compilazione che esse richiedono;2 un forte guadagno nella omogeneità della classificazione;3 l’annullamento dell’influenza dell’intervistatore che non deve registrare sintesi personali delle parole dell’intervistato.

2.3 SCHEDA D’INTERVISTA ALL’ATLETA

SCHEDA DI INTERVISTA

1) Quanti anni hai?

2) Sesso: M F

3) Quale sport agonistico pratichi?

Atletica Calcio Ciclismo Danza Ginnastica Artistica Ginnastica Ritmica Judo Karate Nuoto Pallacanestro Pallanuoto Pallavolo Sci Tennis Altro

4) Pratichi o hai praticato altri sport?

     No Si

Se si, quali? (E’ possibile dare più di una risposta)

Atletica Calcio Ciclismo Danza Ginnastica Artistica Ginnastica Ritmica Judo Karate Nuoto Pallacanestro Pallanuoto Pallavolo Sci Tennis Altro

5) A quale età hai iniziato l’attività agonistica?

6) Settimanalmente, quante ore dedichi alla tua attività sportiva?

     Meno di 4

    Da 4 a 6

   Da 6 a 8

  Da 8 a 10

  Da 10 a 12

  Più di 12

7) Per quale motivo ti sei rivolto/a allo Shiatsu?

  Curiosità Dolore muscolare o articolare Problemi d’altra natura (cefalea, dolori intestinali, insonnia, ecc.)  Altro

8) Da quanto tempo ricevi regolarmente trattamenti Shiatsu?

    Più di 3 anni

    3 anni

   2 anni

  1 anno

  6 mesi

 Se meno di 6 mesi, da quanto?

9) Quanti trattamenti hai ricevuto sino ad ora?

     Meno di 10

    Da 10 a 20

    Da 20 a 40

   Da 40 a 60

   Più di 60

10) Con quale frequenza, in media, hai ricevuto e/o ricevi dei trattamenti?

      Uno ogni settimana

     Uno ogni due settimane

    Uno ogni tre settimane

    Uno al mese

A seconda della necessità

11) Prima di iniziare i trattamenti, alla comparsa di dolori muscolari, articolari o d’altra natura, ricorrevi all’uso d’analgesici?

         No Si

12) Attualmente, all’eventuale ricomparsa del sintomo, ricorri ancora all’uso degli analgesici?

       Si, più di prima

       Si, come prima

       Si, meno di prima

       No

13) In seguito ai trattamenti e secondo la tua personale valutazione:

  • La tua capacità di rilassarti (allentare, distendere la tensione dei muscoli) è:

              Migliorata Peggiorata Invariata Non so rispondere

  • Il tuo grado di scioltezza o ampiezza articolare dei tuoi movimenti è:

             Migliorato Peggiorato Invariato Non so rispondere

  • Il tuo grado d’ansietà è:

             Diminuito Aumentato Invariato Non so rispondere

  • La tua capacità di concentrazione è:

             Migliorata Peggiorata Invariata Non so rispondere

  • La tua sopportazione alla sensazione di dolore è:

              Migliorata Peggiorata Invariata Non so rispondere

  • Il livello di percezione del tuo corpo è:

             Migliorato Peggiorato Invariato Non so rispondere

  • La tua attività sportiva è:

             Migliorata Peggiorata Invariata Non so rispondere

14) Da quando ricevi i trattamenti il tuo stato ansioso, prima della gara, è:

            Aumentato Diminuito Rimasto uguale Non so rispondere

15) In seguito ai trattamenti, è cambiato qualcosa nel tuo modo di affrontare la gara?

             No Si

16) Se si, in quale modo?

17) Da quando ricevi i trattamenti l’atteggiamento abituale del tuo corpo (postura) è:

      Non so rispondere Sempre lo stesso Cambiato

18) Se cambiato, in che modo?

19) Durante i trattamenti, ti è capitato di visualizzare mentalmente qualche immagine o provare qualche sensazione particolare?

          No Si,

         qualche volta Si,

         spesso

20) Se si:

  • quale di queste immagini ti è capitato di visualizzare? (E’ possibile dare più di una risposta)

              Colori

             Camminare in mezzo alla natura

             Volare e vedere dei bellissimi paesaggi.

             Altro (elencare, se possibile)

  • quale di queste sensazioni o emozioni ti è capitato di provare? (E’ possibile dare più di una risposta)

              Sensazione di caldo

             Sensazione di freddo

             Gioia

            Tristezza

            Sentirsi pesanti, tanto da diventare un tutt’uno con il terreno sottostante.

           Sentirsi leggerissimi tanto da riuscire a volare.

           Altro (elencare, se possibile)

2.4 RISPOSTE DEGLI ATLETI

Per raccogliere e quantificare i dati rilevati ai questionari è stata utilizzata una tabella in cui sono stati riportati il numero della scheda a cui si riferiscono le risposte (si è voluto mantenere l’anonimato dell’atleta) e, in modo abbreviato, le risposte di ogni singola domanda.

2.5 ANALISI DEI RISULTATI

Per rilevare come il trattamento Shiatsu agisce sui fattori chiave caratterizzanti la prestazione sportiva, è interessante considerare e analizzare le risposte date dagli atleti alla domanda n. 13 “In seguito ai trattamenti…”.

La quasi totalità degli atleti ha riscontrato un netto miglioramento soprattutto nelle capacità di rilassamento e di concentrazione (rispettivamente 76,7 %, 80 %). Questi risultati incidono direttamente sulle performances sportive (aumentate nel 70,3% dei casi): una migliore capacità di rilassamento consente infatti sia di evitare un iper tono muscolare (in fase di preparazione alla gara) sia di recuperare più velocemente lo stress psicofisico seguente la competizione.

Inoltre, un aspetto particolarmente positivo è dato dal fatto che l’elevato grado di concentrazione è stato riscontrato soprattutto da atleti praticanti discipline sportive di lunga durata (pallavolo, pallanuoto…), conferendogli una maggior costanza e linearità nel valutare la situazione tattica durante lo sforzo agonistico.

Per quanto riguarda il grado di scioltezza, il 43% degli intervistati ha rilevato un miglioramento, mentre il 37,7 % non ha riscontrato variazioni significative.

Atleti praticanti attività sportive come il calcio, la pallavolo, la pallacanestro e la pallanuoto, hanno riscontrato che la maggior scioltezza acquisita si è concretizzata in un aumento delle performances sportive (maggior potenza nei colpi) e soprattutto in una diminuzione di traumi e infortuni muscolari (contratture, stiramenti, distorsioni) ai quali erano frequentemente soggetti.

Gli intervistati che hanno rilevato un grado di scioltezza costante, sono coloro che hanno praticato in passato la ginnastica ritmica, artistica e la danza, attività sportive le quali necessitano di una scioltezza articolare di base assai elevata.

I trattamenti hanno avuto risultati positivi anche per quanto riguarda il grado “d’ansietà” che è diminuito per il 63% dei soggetti e ne è rimasto invariato per il 37%.

La maggior tranquillità e lucidità dovute alla diminuzione degli stati ansiosi, ha conferito agli atleti un elevato grado di concentrazione ed un maggior controllo dei propri mezzi psico – fisici, aumentandone la prestazione durante la gara.

Tuttavia, l’ansietà è una caratteristica che si differenzia a seconda dell’individuo: atleti di per sé meno ansiosi non hanno riscontrato miglioramenti significativi in tale parametro, mentre soggetti apprensivi e agitati di natura ne hanno rilevato una netta diminuzione.

Considerando il parametro “sopportazione al dolore”, le risposte degli atleti evidenziano un miglioramento nel 60% dei casi, e una situazione invariata per il 20% degli sportivi (il restante 20% non ha saputo rispondere).

L’equilibrio delle ultime risposte è dovuto da due fattori: da un lato, la difficoltà nel saper valutare correttamente tale parametro da parte dei riceventi; dall’altro, è evidente che il numero e la frequenza dei trattamenti influisce positivamente nell’aumentare la soglia di sopportazione al dolore. Inoltre, è importante rilevare che anche durante lo svolgimento di una singola seduta, le pressioni da me attuate divenivano progressivamente più profonde e intense, esercitando con più facilità anche nelle zone particolarmente sensibili al dolore.

Di conseguenza, perché un ciclo di trattamenti agisca significativamente sulla percezione del dolore da parte dell’atleta, sono necessarie un minimo di sei sedute effettuate a breve distanza l’una dall’altra.

Occorre comunque distinguere tra soggetti praticanti attività agonistiche, che presentano una più elevata sopportazione al dolore in quanto più abituati a situazioni di sofferenza, ed atleti amatoriali, per i quali gli allenamenti sono mento intensi e stancanti: per influire sulla soglia del dolore è necessario un numero maggiore di sedute per i primi rispetto ai secondi. Il 60% degli intervistati ha inoltre affermato che i trattamenti Shiatsu hanno influito a migliorare la propria percezione corporea, agendo positivamente sulla postura degli stessi.

Sebbene i riceventi fossero tutti atleti agonisti, essi presentavano delle carenze a livello di conoscenza personale del proprio corpo, elemento che si traduceva in una bassa percezione di atteggiamenti viziati, alcuni dei quali causati dalla stessa attività sportiva (spalle curve dei pallavolisti; l’appoggio del peso corporeo sempre sullo stesso lato, anche in momenti di riposo, per i tennisti; un atteggiamento di iperlordosi per le praticanti di aerobica, cifosi per cestisti e motociclisti…).

Attraverso le pressioni e gli stiramenti, si riporta una corretta postura nella persona e l’effetto congiunto del rilassamento profondo — percezione corporea consente di fissare i cambiamenti. “ …riesco ad avere le spalle più aperte”, “in condizioni di riposo riesco a percepire maggiormente il rilassamento dei muscoli”, “posizione più eretta del dorso”…., queste sono alcune delle testimonianze date dagli atleti che hanno riscontrato un effettivo cambiamento nella postura (40%).

La quasi totalità degli atleti (28 su 30) sottoposti a trattamenti Shiatsu ha raggiunto un elevato grado di rilassamento profondo tale da indurre stati alterati di coscienza [1], rivelando che il ricevente non si trovi in una fase di sonno, nella quale si perderebbe coscienza di ciò che sta facendo l’operatore. Le immagini e le sensazioni emotive indicate dagli atleti confermano il raggiungimento dello stato alterato di coscienza.

Due delle sensazioni riportate nel questionario rappresentano stadi successivi nella percezione dello stato di rilassamento: la prima sensazione, riscontrata dal 16,7% degli atleti, è un senso di pesantezza attraverso il quale si percepisce in tutto il corpo l’attrazione terrestre, come se la terra fosse una gigantesca calamita che lo attira; la seconda sensazione è quella in cui si il corpo diventa leggerissimo tanto da sentirsi galleggiare fuori di esso, è stata provata dal 33.3% degli sportivi.

Escludendo queste due sensazioni, il 93.4 % degli intervistati ha visualizzato immagini o percepito sensazioni particolari come ad esempio: “Sono sott’acqua, come mi è capitato tante volte di finire durante una gara, ma stranamente respiro l’acqua come se fosse aria.”; oppure “Ho la sensazione di fluttuare in un liquido, il mio corpo gira su sé stesso.

Non mi rendo più conto dove sia l’alto o il basso, non ho più punti di riferimento”; e ancora “Ho come la sensazione di ritornare nel grembo materno”.In ogni caso, lo Shiatsuka non è uno psicologo e non è suo compito l’analisi delle emozioni e delle visualizzazioni mentali avute dai soggetti, sebbene le loro risposte aiutino indirettamente l’operatore nel completare la sua diagnosi su ogni singolo individuo.

3 CONCLUSIONI

3.1 VANTAGGI E LIMITI DELLO SHIATSU NELLO SPORT Secondo le risposte date dai 30 atleti, sottoposti ai trattamenti, i principali vantaggi dello Shiatsu nello sport possono essere sintetizzati come segue: – Tutti gli atleti, indipendentemente dallo sport praticato (20% pallavolo e pallacanestro, 16.7% calcio, 13.3% tennis e aerobica, 10% motocross), riferiscono invariabilmente un effetto potente di defaticamento e la sensazione di avere a disposizione molta più energia del solito.-

Lo Shiatsu aiuta a recuperare più facilmente le energie anche dopo gare estremamente dure: durante la seduta avviene infatti un cambiamento visibile dell’espressione e dello stato energetico anche perché l’atleta si rilassa, lascia uscire le tensioni, respira in modo lento e profondo e non pensa alla gara, ma solo al proprio corpo e alla propria energia. –

Lo Shiatsu è utile all’atleta indipendentemente dalla disciplina sportiva da lui praticata. Questo perché i risultati delle stimolazioni hanno avuto sugli intervistati effetti diretti come un aumento del flusso respiratorio più ampio e profondo, un aumento del rendimento atletico con sensazioni di maggiore scioltezza, un aumento della concentrazione e una gradevole sensazione di rilassamento durante la pratica Shiatsu.

Lo Shiatsu agisce congiuntamente sul corpo — mente — spirito dello sportivo, e non solo a livello fisico.- Gli sportivi, soprattutto quelli agonisti, hanno rivelato una bassa percezione corporea, sebbene il corpo costituisca la parte più curata negli allenamenti.

Il trattamento Shiatsu potrebbe quindi rappresentare un valido supporto agli attuali esercizi di stretching in quanto consente di raggiungere un profondo stato di rilassamento e di percezione corporea.

– Dalle risposte degli intervistati si è potuto inoltre evidenziare una difficoltà al rilassamento da parte degli atleti, limite che ostacola il raggiungimento di adeguato livello di concentrazione (sia prima che durante la gara). Tuttavia, tra gli atleti che provengono dalla ginnastica (artistica e ritmica) e dalla danza ho potuto riscontrare una maggiore propensione e facilità al rilassamento globale (fisico — psichico): i movimenti fluidi di tali discipline sono il risultato di un giusto equilibrio tra contrazione e rilassamento, mentre in altri sport si dà maggiore importanza alla prima a discapito del secondo.

– La frequenza ed il numero dei trattamenti effettuati sugli sportivi influenza positivamente il rendimento e di conseguenza il risultato sportivo degli atleti stessi. Dalle schede d’intervista si può notare che coloro che hanno avuto difficoltà nel rispondere o hanno riportato dei risultati invariati, si sono avvicinati tardi allo Shiatsu e si sono sottoposti quindi a un minor numero di sedute. Con l’aumentare del numero dei trattamenti, sono gli atleti stessi a domandare una frequenza più elevata delle sedute, soprattutto in vicinanza delle competizioni.- L’intervento immediato del trattamento Shiatsu su piccoli traumi, contratture o distorsioni permette di non interrompere l’allenamento e di non vanificare, quindi, la preparazione atletica dello sportivo (questo è dovuto al fatto che le pressioni statiche dello Shiatsu non inducono e non accentuano stati infiammatori dei tessuti).- Con lo Shiatsu l’atleta riscopre la piena espressione delle proprie risorse vitali.Nonostante questi vantaggi, lo Shiatsu presenta alcuni limiti:-

Di tempo: soprattutto per gli atleti non professionisti, è difficile ritagliare uno spazio di tempo adeguato al trattamento Shiatsu durante la giornata. Il lavoro, la vita familiare, gli allenamenti diminuiscono il tempo a disposizione che l’individuo può dedicare alla propria cura psicofisica (cosa che accade più facilmente in caso di malattia o traumi).-

Di luogo: perché da un trattamento Shiatsu si possa ottenere il massimo del risultato (concentrazione, rilassamento, percezione…) è necessario che venga svolto in un luogo tranquillo e lontano da eventuali distrazioni per il ricevente. Può essere svolto anche nelle palestre purché esse presentino delle sale adeguate a tal fine.- Di professionalità: affinché lo Shiatsu sia messo in pratica in modo corretto, è necessario rivolgersi ad un professionista specializzato che si sia diplomato presso una delle scuole associate alla Federazione Nazionale Shiatsu.

Questo può implicare che il costo dei singoli trattamenti (parcella di un professionista) influisca negativamente sulla scelta da parte degli atleti (soprattutto quelli non professionisti), inducendoli a ridurre progressivamente sia la frequenza che il numero totale delle sedute.

3.2 TENDENZE E CONCLUSIONI

Lo Shiatsu sta entrando sempre di più nel linguaggio comune della gente e non sono pochi i personaggi pubblici della politica, cultura, sport e spettacolo che dichiarino di ricevere Lo Shiatsu rappresenta una forma di comunicazione fisica ma anche energetica e meditativa che fa avvicinare gli individui alle leggi di natura che governano dentro di loro le proprie forze fisiche, energetiche e mentali, predisponendoli così ad avere una loro eventuale ricerca spirituale.

L’attenzione dell’operatore verso il ricevente, la durata del trattamento, l’ascolto della risposta alla pressione, la ritmicità del trattamento, la ricerca del “qui ed ora pressorio”, ma soprattutto le caratteristiche fondamentali dello Shiatsu (la pressione perpendicolare e il mantenimento dell’azione pressoria), sono tutte particolarità assolutamente uniche che rendono questa disciplina un trattamento autonomo da qualsiasi forma di sostegno manuale.

Da un punto di vista sociologico, per il rapporto non verbale che si instaura tra operatore e ricevente, è una rivoluzione rispetto al tradizionale massaggio e una vera e propria novità nel campo del rapporto tra le persone. Con lo Shiatsu l’obiettivo da centrare è quello di migliorare la performance, intesa come miglioramento globale della qualità di vita realtà oggettiva che permette ad ogni individuo di esprimere al massimo le proprie potenzialità e nel caso degli atleti di poter dare il meglio di sé stessi nel momento della competizione agonistica.

BIBLIOGRAFIA

Andreana Spinola: “Shiatsu, una grande arte per la salute”.

Articolo di Shiatsu News — luglio ’98.

Roberta Boni: “Appunti del I, II, III, IV, V, e VI livello di Shiatsu”. Corsi di Shiatsu della scuola “Daniele Giorcelli”.

Douglas Gattini: “Le caratteristiche della pressione Shiatsu e la sua rispondenza alle leggi della natura”.Articolo di Shiatsu News — luglio ’96

Fabio Zagato: “Elementi di Shiatsu”. La circolazione e l’equilibrio dell’energia vitale. (RED edizioni)

Francesco Casaretti: “Il Tao e il piacere dello Shiatsu”. Articolo di Shiatsu News — luglio ’98.

Franco Bottalo: “Lo Shiatsu”. Il risveglio dell’energia di guarigione.(Xenia)

John E. Kane: “Nuovi orientamenti nella Psicodiagnosi nello Sport: problemi e prospetti”. Atti del Convegno Internazionale di Psicologia dello Sport, Roma 4-6 ottobre 1982.

Klaus Metzner: “Shiatsu”. Favorire la circolazione dell’energia vitale. (RED edizioni)

Leon Chaitow: “Massoterapia Neuromuscolare”. Tecnica osteopatica per il trattamento dei tessuti molli. (RED edizioni)

Masunaga & Ohashi: “ZEN SHIATSU”. La terapia Shiatsu secondo i principi dello zen. (Mediterranee)

Ohashi: “Le tecniche corporee di Ohashi”. Oltre lo Shiatsu con il metodo OhaShiatsu. (Il Castello)

  1. Santoni —W. Ohashi: “Olo Shiatsu”. Tecniche di manipolazione per il riequilibrio energetico dell’organismo. (Armenia)

Saul Goodman: “Shiatsu Shin Tai”. L’evoluzione e la sintesi della tecnica tradizionale di lavoro sul corpo. (Edimons)

Saul Goodman: “Il libro dello Shiatsu”. Guida pratica al massaggio(Macro edizioni)

Shizuto Masunaga: “Esercizi zen per immagini”. Esercizi dei meridiani per una vita sana. (Mediterranee)

Tadeusz Ulatowski: “La teoria dell’allenamento sportivo”.- Scuola dello Sport del CONI

Ted J. Kaptchuk: “Medicina Cinese, fondamenti e metodo”. La tela che non ha tessitore. (RED edizioni)

Toru Namikoshi: “Il libro completo dello Shiatsu”. La terapia completa di pressione digitale. (Mediterranee)